NEW RELEASES


A cura di Maria Russo
La speranza oggi.  Benny Lévy, Jean-Paul Sartre. Le interviste del 1980.
Mimesis 2019

ISBN: 1980 9788857555195

 In queste interviste, condotte dal segretario personale Benny Lévy, Sartre ripercorre alcuni degli snodi critici del suo pensiero. Tra questi, il rapporto tra angoscia e speranza, il ripensamento critico della sinistra, l’avventura come compagno di strada del Partito Comunista, il rapporto tra Fraternità e Terrore presentato nella Critica della ragione dialettica e la possibilità di concepire un’etica esistenzialista. Si tratta di un testo che ha suscitato un vero e proprio scandalo tra gli amici e i colleghi di Sartre, alimentato dal fatto che venne pubblicato a poche settimane dalla sua morte. Le interviste dovevano costituire una prima bozza per una nuova morale, che Sartre aveva promesso fin dalle pagine finali de L’essere e il nulla. Siamo nel 1980: per Sartre la sinistra è morta ed è necessario riscoprire il suo principio fondante, un principio che ora non è storico o dialettico, bensì morale, per poter, ancora una volta, avere speranza nei confronti del futuro.
____________________________________________________________________

Francesca Pongiglione
I diritti umani nel dibattito etico contemporaneo
EDIZIONE: 2019 COLLANA: Studi Superiori (1146) 
ISBN: 9788843094387 


Sono trascorsi settant'anni anni dalla proclamazione della Dichiarazione universale dei diritti umani eppure attorno a essi è ancora molto acceso un dibattito in cui più voci continuano a esprimere scetticismo e a metterne in dubbio l’esistenza. I diritti umani, infatti, non sono leggi, né sono stati pensati per doverlo diventare: talvolta hanno ispirato le norme giuridiche, ma la loro validità si estende al di là di esse. Inoltre, spesso non sembra chiaro a chi spettino i doveri implicati dai diritti umani né quale sia l’estensione di tali doveri, e anche questa forma di indeterminatezza ha suscitato accese critiche. Il volume prende avvio da un’analisi storico-filosofica della Dichiarazione e del modo in cui essa venne concepita e scritta, analizzando le radici profondamente morali dei diritti umani stessi. Nel seguito si afferma l’esistenza dei diritti umani come norme in primo luogo morali, e se ne mostra l’efficacia; si indagano i doveri da essi generati per determinare a chi spettino e con quali limiti. Infine, passando dalla teoria alla prassi, si analizza il caso delle migrazioni, un fenomeno di portata globale che riguarda la protezione dei diritti umani di chi è costretto ad abbandonare il proprio paese di origine alla ricerca di quella ospitalità che con sempre crescente fatica viene concessa dagli altri Stati. 

____________________________________________________________________


Maria Russo
Per un'Estesistenzialismo Critico
2018, Mimesis, Milano-Udine

Questo libro recupera i testi pubblicati postumi di Jean-Paul Sartre dove si può rintracciare il progetto di una morale dell’autenticità. Si tratta principalmente dei Taccuini della strana guerra (1939), dei Quaderni per una morale (1947-1948) e di Verità e esistenza (1948). In questi testi Sartre cerca di mantenere la promessa con cui si concludeva l’Essere e il Nulla, ossia quella di sviluppare un’etica esistenzialista basata su una libertà e su una responsabilità assolute. Il filosofo francese propone contemporaneamente una filosofia morale e una filosofia della storia, sottolineando la necessità di un’etica che possa uscire dalle dinamiche relazionali infernali e dai circoli viziosi della violenza e dell’oppressione che hanno da sempre caratterizzato la storia umana. Nonostante l’incompiutezza del progetto, è possibile ricostruire dove stesse andando il pensiero di Sartre; di più, oggi, si può andare anche oltre lo stesso autore, per indirizzarci verso una teoria normativa in grado di inserirsi nel dibattito attuale. Abbiamo chiamato questa bozza “Esistenzialismo Critico”.